News

Nuova norma per trattamento acqua in impianti termici

E’ stata pubblicata la nuova UNI 8065, il riferimento normativo nazionale per i sistemi di trattamento dell’acqua degli impianti termici richiesti dal Decreto Requisiti Minimi e verificati dal catasto impianti.

La norma riguarda anche i trattamenti per la messa in servizio e il risanamento degli impianti, oltre che i controlli periodici degli stessi.

Rispetto alla precedente versione vi sono novità interessanti, ad esempio:

  • La verifica della qualità dell’acqua viene estesa ad un maggiore numero di parametri come ph, conducibilità e la presenza di cloruri che possono innescare le corrosioni.
  • Sono stati ampliati i casi di lavaggio e risanamento degli impianti estendendoli, ad esempio, anche a quelli solari termici
  • E’ stata introdotta la tracciabilità delle sostanze chimiche impiagate, utile anche per il DVR aziendale …ma non vi sono indicazioni sullo smaltimento di quelle esauste.
  • E’ stato esteso l’obbligo di defangatore e disareatore negli impianti
  • I sistemi magnetici sono stati considerati “non ammissibili” ai fini della norma stessa.
  • Vi è un maggior riguardo sull’uso combinato di metalli diversi nei circuiti idraulici ed il relativo rischio di corrosione
  • Sono state introdotte nuove schede di controlli periodici (una volta all’anno) da allegare al libretto d’impianto .

Come abbiamo sempre suggerito è importante che installatori e manutentori facciano attenzione alle schede di sicurezza delle sostanze chimiche,argomento spesso glissato dal mercato, e soprattutto ai libretti istruzione dei costruttori dei generatori o delle tubazioni in multistrato che possono imporre limitazioni ulteriori, ad esempio nel caso degli scambiatori alluminio/silicio o in  presenza di biossido di cloro.

Ancora più importante sarà redigere il libretto uso e manutenzione e soprattutto l’approccio alla vendita dei trattamenti dell’acqua verso una clientela spesso scettica o comunque poco propensa alla spesa per questi sistemi e, allo stesso tempo. inconsapevole dei benefici.